Città della Spezia Liguria News Genova Post Città della Spezia La Voce Apuana
LA REDAZIONE
telefono redazione 010 8935042
fax redazione 010 8934973
Ultimo aggiornamento ore 20.50 del 21 Settembre 2018

Valpolcevera, Pastorino: «Mancano le farmacie di turno durante la notte»

Valpolcevera, Pastorino: «Mancano le farmacie di turno durante la notte»

Val Polcevera - «Potenziare il servizio notturno delle farmacie di turno in Valpolcevera, a seguito del crollo di ponte Morandi»: questa, in sintesi, la richiesta contenuta nella lettera inviata stamane dal capogruppo di Rete a Sinistra / LiberaMente Liguria Gianni Pastorino a Federfarma, all'Ordine dei Farmacisti di Genova, all'assessore Viale e al commissario di A.Li.Sa Walter Locatelli.

«Ci giungono segnalazioni che durante la notte non si trovano farmacie aperte in Valpolcevera. Quindi è praticamente impossibile far fronte alle emergenze, considerato l'isolamento dal resto della città sofferto dalla valle dopo il crollo di ponte Morandi – dichiara Pastorino - Questa mattina abbiamo inviato tempestivamente una lettera a Federfarma e Ordine dei Farmacisti di Genova affinché il servizio, che riteniamo imprescindibile, sia ripristinato e potenziato con urgenza. In questo momento trovare una farmacia aperta di notte in Valpolcevera rappresenta un segnale forte di presidio del territorio: ciascuno faccia la propria parte affinché questa comunità non si senta abbandonata».

«Lo stesso discorso è applicabile alle pubbliche assistenze, alla rete dei pronto soccorso e, in generale, a tutta l'infrastruttura dei presidi e dei servizi sanitari. Ora è davvero molto difficile raggiungere Villa Scassi, l'ospedale più vicino dotato di pronto soccorso e di specialità fondamentali – puntualizza Pastorino -. Pensiamo, ad esempio, cosa possa significare tutto ciò per un malato affetto da patologie cardiache gravi: con l'emergenza scoppiata dal 14 agosto, l'accessibilità al servizio può segnare la differenza fra la vita e la morte. Per questo riteniamo che alcune specialità sanitarie, oggi assenti, debbano essere ricollocate da subito in una zona baricentrica della valle».

«È assolutamente necessario riconnettere la Valpolcevera alla città; al più presto – conclude Pastorino -. Ma nel frattempo la Regione deve creare una filiera con tutti gli enti preposti per attenuare un isolamento che rischia di essere mortale: anzitutto per la salute dei cittadini, ma anche per l'economia e per lo stesso tessuto sociale di questo territorio ferito».

Giovedì 30 agosto 2018 alle 15:30:28
© RIPRODUZIONE RISERVATA


Notizie Genova

































Per la tua pubblicità su Genova Post sfoglia la brochure

Privacy e Cookie Policy

Liguria News